Author archives: Paola Cazzaniga

  • Storytelling di Famiglia tra gli oggetti di casa

  • Un paio di anni fa ho incontrato due mamme in una grande casa nel cuore di Milano. Sono due mamme con quattro figli. Una ragazza grande, due gemelli energici e un piccolino che diventerà il più alto di tutti. Hanno fondato una piccola casa editrice che pubblica libri per l'infanzia dedicati a famiglie dove ad amarsi sono due donne o due uomini.  L'esperimento con questa famiglia è stato quello di raccontare la loro quotidianità, la loro storia, i loro bambini, le loro passioni, attraverso gli oggetti di casa. Abbiamo tralasciato i classici ritratti, i primi piani e in questa lunga carrellata troverete fiori, calamite, giochi, disordine, colori che raccontano l'anima di questa grande, vivace, generosa famiglia. Se volete saperne di più di tutta la loro produzione di libri per l'infanzia, ecco il link della casa editrice: Lo Stampatello
  • Pronti VIA per le sessioni di Natale 2017!

  • Bambini, famiglie, coppie, amici... Se per Natale desiderate regalarvi e regalare delle foto di voi e dei vostri cari, non perdete l'occasione di prenotare per una mezzora davvero speciale e divertente un sabato pomeriggio di dicembre.Sono arrivate le mini sessioni fotografiche di Natale allestite presso The Milk Bar Milano. SABATO 2 E 9 DICEMBRE 2017 DALLE 15 ALLE 19. Durata 25' Set fotografico natalizio con stile naturale e semplice Costo €20 a foto digitale consegnata in Alta risoluzione per stampe in qualsiasi formato Acquisto minimo 5 foto Con l'acquisto di 10 foto in regalo due Foto-calendario 2018 in formato 20x40 Per info e prenotazioni:  info@paolacazzaniga.com 347 22 77 326

     

       
  • Storia della fotografia di famiglia - ALAIN LABOILE

  • Carissimi, é da un pò che non scrivo e non parlo di fotografia in questo blog. Nel mio lavoro è importante, se non fondamentale, nutrirsi di fotografia ed immagini. Imparare dagli altri, guardarsi intorno, immergersi nella fotografia. Questo è un processo importante per trovare la propria strada, il proprio stile. Mi piacerebbe oggi, parlando di storia della fotografia di famiglia, presentarvi un meraviglioso fotografo francese: Alain Laibole.  Alain è uno scultore di mestiere, ha una famiglia numerosa di 6 figli e ha iniziato a fotografare la sua tribù diversi anni fa, nel 2004. Vive nel sud della Francia, in campagna, e ha iniziato a fotografare la sua famiglia da autodidatta. Alain è affascinato ed innamorato della Natura e le sue fotografie raccontano il rapporto meraviglioso tra prati, cieli aperti, campagna, animali con la forza, l'istinto, il movimento, l'abbandono, la curiosità espresse dai suoi figli che ci vivono immersi. Il suo archivio fotografico inizialmente era solo personale ed era custodito nella storia della sua famiglia. Poi accadde che la potenza di queste immagini, una volta condivise sul web, siano fuoriuscite dalla sfera privata e abbiano conquistato molte più persone. Il coinvolgimento e la seduzione di queste immagini è, in effetti, immediato. Il talento di Laboile è stato celebrato dal New York Times. Da allora ha esposto in Giappone, Stati Uniti, Cambogia, Sud Corea poi in Europa naturalmente. Tiene workshop in tutto il mondo dove cerca di raccontare e trasmettere il suo lavoro e la sua storia perché possa essere fonte di ispirazione per altri fotografi. Oggi le fotografie di Alain Laboile hanno una loro collocazione nella tradizione storica della fotografia familiare, e dal 2014 fanno parte della collezione del Musée français de la photographie. Alain Laboile, classe 1968 "Every day I share these photos on the internet. I realize the universal and timeless dimension of my photographic work by reading testimonies from other people living all over the world. It is fantastic to be able to share daily pieces of our family life, and find a positive response to this simple life close to nature."
    Il suo sito: http://www.laboile.com/ La sua seguitissima pagina Facebook: https://www.facebook.com/alain.laboile Una sua intervista: https://vimeo.com/1081763788176378
           
  • Facciamo una foto ai bimbi vicino all'Albero di Natale?

  • Tutto è pronto, salotto arricchito di luci scintillanti e palline colorate, bambini non più in pigiama, ma con indosso il vestito buone delle feste, tutti i regali ancora da scartare, ma non ci vogliamo fare una bella foto di Natale vicino al nostro albero? Sembra facile. Quando proviamo tutta l'atmosfera calda che abbiamo negli occhi,  non viene degnamente rappresentata dalla nostra formidabile e super accessoriata macchina fotografica? Come mai? Voglio salutarvi e augurarvi Buon Natale di cuore con qualche piccolo consiglio tecnico dal leggere ancora spaparanzati sul divano a digerire il Panettone. Pronti a memorizzare? Ecco la lista: 1 Preparate tutto prima. Tutto cosa? Salotto in ordine, specialmente attorno all'albero, bambini vestiti, treppiede già nella posizione corretta (fate qualche prova da soli senza coinvolgere ancora la famiglia e disperdere l'energia di sorrisi ed entusiasmi solo per le prove), macchina fotografica con i settaggi giusti (che a breve vi dirò) e si parte. 2 Innanzitutto dovete scegliere il tipo di luce. Volete lasciare le luci delle casa accese o spente? Se le luci rimarranno accese, sicuramente la foto risulterà più nitida, ma perderà un po' quell'allure festivo più caldo e le lucine dell'albero saranno meno evidenti. La foto di questo articolo è stata scattata in un salone dove non è stato possibile spegnere le luci dell'ambiente, ma questo non ha impedito di fare una bella foto di Natale. Se al contrario preferite spegnere le luci, le foto saranno principalmente illuminate dalla luce naturale a disposizione in casa in quel momento e potremo giocare su come far apparire i luccichii dell'albero. 3 per far apparire le lucine dell'albero con un bellissimo effetto bokeh (ossia con un bagliore più grande e sfumato), ecco i settaggi da impostare nella macchina: ISO: intorno a 125o (per cercare di recuperare più luce possibile sul sensore) Tempo: 1/125 (si rischia il mosso ma permette di catturare più illuminazione, e poi abbiamo il treppiede?) Apertura f 1/8 (è grande proprio per inglobare più luce e creare uno sfondo mosso) Ovviamente fate delle prove. Potete cambiare queste impostazioni e scendere di più sull'ISO per esempio se la foto dovesse risultare troppo rumorosa. A quel punto giocate su un tempo un po' più lungo chiedendo ai bambini di non muoversi troppo.  4 Fate in modo che i bimbi guardino l'albero. Perderete magari un sorriso, ma farete in modo che il loro viso sia ben illuminato dalle lucine.  5 Cercate di essere veloci. I bambini si possono stancare di farsi fare le foto e vorrebbero tornare ai loro giochi in fretta. Promettete magari un piccolo giochino o premio per la foto ben riuscita e la loro collaborazione. 6 Una volta fatto. FESTEGGIATEVI. Abbracciatevi per il lavoro ben fatto, datevi il "cinque" e godetevi il Natale! TANTI AUGURI  A TUTTI VOI!  
  • Le sessioni di Natale 2016!

  • Durante le sessioni di Natale, che svolgo ormai regolarmente in uno spazio appositamente allestito, presso il negozio per le mamme tra i piu' famosi e trendy di Milano, il The Milk Bar, incontro veramente tante persone, bambini e famiglie diverse. Sono sessioni brevi ma anche in questo spazio di tempo nascono brevi ed intense relazioni. A volte i bimbi sono un po' spaventati all'inizio sotto le grandi luci e in un ambiente nuovo, ma spesso basta poco per lasciarsi andare e divertirsi insieme.  A fine giornata sono stanca, lo ammetto, ma felice di essere riuscita a realizzare delle fotografie che verranno regalate ad amici, nonni, e riscalderanno ancora di più il giorno di Natale. Ecco un piccolo fotografico assaggio:
 
error: